Tiroidite di Hashimoto

La tiroidite di Hashimoto è un tipo di infiammazione autoimmune della ghiandola tiroidea con gozzo, che provoca ipotiroidismo.

Il gozzo nella tiroidite di Hashimoto varia da piccolo a grande ed è in genere evidente e senza dolore, spesso con una superficie irregolare e protuberanze. Il dolore può verificarsi raramente in un gozzo di Hashimoto senza complicanze, ma se associato a una tiroide ingrossata questo sintomo suggerisce la comparsa di un linfoma a cellule B, un tumore maligno non comune della tiroide riscontrato esclusivamente in pazienti affetti da tiroidite di Hashimoto di lunga data.

Poiché la distruzione della tiroide avviene progressivamente nell'arco di mesi o anni, i pazienti sono spesso eutiroidei alla presentazione, ma i livelli di TSH (ormone che stimola la tiroide) nel siero possono essere elevati anche se gli ormoni tiroidei rientrano nel range di riferimento, rappresentando una carenza tiroidea subclinica con compensazione guidata dall'ipofisi.

La prevalenza dell'ipotiroidismo autoimmune nella popolazione caucasica generale è dell'1-2% nelle donne e dello 0,1-0,2% negli uomini, mentre gli autoanticorpi tiroidei possono essere riscontrati nel 20% delle donne di mezza età, a rispecchiare la presenza di tiroidite focale. Di conseguenza, soltanto una parte degli individui con evidenza sierologica di autoimmunità tiroidea è clinicamente malata.