Malattie epatiche

Anticorpi M2 | Anticorpi LKM1

Anticorpi M2

Prodotto

Codice articolo

Quantità di esami

Varelisa M2 Antibodies  147 96 96 esami

Antigeni

Gli autoantigeni mitocondriali sono sottounità dei complessi della deidrogenasi acida 2-oxo e sono posizionati nella membrana mitocondriale interna delle cellule eucariotiche. La funzione principale del complesso della deidrogenasi acida 2-oxo è quella di canalizzare gli elettroni tramite le reazioni della decarbossilasi ossidativa. Al giorno d'oggi vengono distinte nove sottoclassi AMA diverse (da M1 a M9), di cui la M2 è quella più importante come marcatore della cirrosi biliare primaria (PBC). Gli anticorpi M2 riconoscono i componenti dell'enzima piruvato deidrogenasi (PDH). Gli antigeni (circa 74, 52, 45 e 39 kDa) sono diffusissimi, soprattutto nei mitocondri dei mammiferi e del lievito come pure nei batteri e nei cloroplasti. Tre dei quattro antigeni M2 sono enzimi E2, che catalizzano il trasferimento del rispettivo residuo decarbossilato dall'enzima E1 (decarbossilasi) al coenzima A. Il quarto componente M2 è rappresentato dalla proteina X, che è riscontrata in associazione con PDH.

Il dosaggio Varelisa M2 Antibodies utilizza piruvato deidrogenasi purificato.

Specificità e prevalenza anticorpale

Cirrosi biliare primaria (PBC) (96%), diagnosi differenziale su epatite autoimmune.

Informazioni sulla cirrosi biliare primaria

Attività patologica

Concentrazioni di AMA non sono correlate alle fasi e alla prognosi della malattia. Gli effetti della terapia farmacologica sui livelli di AMA sono limitati.

Quando si raccomanda la misurazione?

  • Sospetto di cirrosi biliare primaria (PBC)

Isotipo anticorpale

IgG

Bibliografia

Leung PSC, Coppel RL, Gershwin E (1996)  |  Baum H (1995)  |  Berg PA, Klein R (1992) 

Torna all'inizio

 

LKM 1 Antibodies

Prodotto

Codice articolo

Quantità di esami

Varelisa LKM1 Antibodies 175 96 96 esami

Antigeni

Gli anticorpi LKM (anti-microsomi di fegato e rene) vengono caratterizzati utilizzando l'immunofluorescenza indiretta mediante la loro reazione con il citoplasma degli epatociti e dei tubuli renali prossimali, ma non distali. Gli anticorpi anti-LKM 1 reagiscono con il citocroma P 450 II D6 da 50 kDa, che è uno degli almeno 15 isoenzimi P450 epatici umani coinvolti nel metabolismo farmacologico di fase I.

Il dosaggio Varelisa LKM1 Antibodies utilizza citocroma P450 II D6 ricombinante umano.

Specificità e prevalenza anticorpale

  • Epatite autoimmune di tipo II (100%, in quanto l'AIH di tipo II è caratterizzata da LKM1 positivo)
  • Epatite cronica C (7%)
  • Epatite da alotano (molto rara)

Attività patologica

Concentrazioni di anticorpi LKM1 non sono correlate alle fasi della malattia.

Quando si raccomanda la misurazione?

Sospetto di epatite autoimmune

Isotipo anticorpale

IgG

Bibliografia

Manns MP (1996)  |  Obermayer Straub P, Strassburg CP, Manns MP (2000)  |  Mann MP, Rambusch EG (1996) 

Torna all'inizio